Post 1
Standard

Lutto per la Sezione A.I.A. di Savona

Questa notte ci ha lasciati il collega O.A. Giovanni Carzana, all’età di 70 anni.

Osservatore di lunghissima esperienza: era Arbitro dal 25 Febbraio 1978 e Osservatore dal 1 luglio 1989.

Nonostante i problemi di salute degli ultimi anni, ha continuato l’attività tecnica per dare il proprio contributo alla Sezione ed alla crescita delle giovani leve. Ha sempre partecipato alla vita associativa ed alle riunioni tecniche. Apparentemente taciturno, sapeva ben valutare le prestazioni arbitrali. Le sue relazioni da OA erano molto piacevoli da leggere ed utili per l’Organo Tecnico, permettendo di “vedere” la gara anche se non si era al campo.

Gli Associati della Sezione A.I.A. di Savona esprimono il loro cordoglio alla Famiglia.

Una persona speciale, un vero Arbitro, un Amico.

Ci mancherai, Caro Giovanni.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Standard

Fantacalcio 2017/2018

Come ogni anno, in questo periodo dell’anno per ogni appassionato del calcio l’unico pensiero è il campionato. O i campionati. Già perché c’è la Serie A e la FantaSerie A. Il fantacalcio è un gioco entusiasmante che è strettamente vincolato alla realtà, o meglio ai risultati delle partite nella realtà. Il numero consigliato di squadre per questo gioco è dalle 8 alle 12, dunque 8/12 giocatori. Solitamente a fine calciomercato (reale) si fa una fanta asta, ovvero ogni giocatore si compra i giocatori che vuole facendo un asta con gli altri giocatori, avendo un numero prefissato di fantamilioni. I risultati delle partite tra le fantasquadre dipende dalle prestazioni reali dei giocatori, con i vari bonus e malus.

A questo entusiasmante gioco, ci giocano anche gli arbitri della sezione di Savona!

La seconda edizione, dopo quella dell’anno scorso, iniziera come di consueto, con l’asta a casa Gaggero i primi di settembre. L’anno scorso, hanno partecipato 8 associati, quest’anno saremo più numerosi. Questo non può che fare piacere, perché l’AIA oltre ad essere un associazione è anche una famiglia e, le numerose attività extra arbitraggio, lo dimostrano. L’anno scorso, oltre al campionato, è stata effettuata la fantacoppa Italia. Regole uguali, solo che invece di essere un campionato erano sfide ad elimiazione diretta andata e ritorno. Sia il fantacampionato che la fantacoppa Italia sono stati vinti dall’ O.A. Federico Ferrara, che dagli altri partecipanti è stato soprannominato “Gran Maestro”, e che quest’anno vedremo se meriterà ancora questo soprannome. Nella passata edizione del fantacalcio hanno partecipato sia giovani arbitri che esperti osservatori. Anche Luca Gaggero si è fatto contagiare da questo gioco che, oltre ad essere un gran bel gioco, è un occasione per passare una serata insieme, mangiando il gelato, assaggiando specialità calabresi e bevendo qualche birra.

Simone Bottero

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Link

Il Savonese del Settore Tecnico

 

Cosi come definisce lo statuto nazionale arbitrale, il Settore Tecnico arbitrale è un organo specifico, incaricato di svolgere attività di studio, qualificazione e diffusione del regolamento del giuoco del calcio. Il Settore Tecnico compete nei rapporti internazionali al fine di perfezionare le regole del gioco e le tecniche di formazione di atleti e tecnici; inoltre svolge attività di ricerca, formazione e specializzazione in tutti gli aspetti del ruolo arbitrale e dei fenomeni sociali, culturali, scientifici ed economici ad esso connessi.
Il Settore Tecnico ha la propria sede operativa presso il Centro tecnico federale (C.T.F.) della FIGC di Coverciano.

L’organo tecnico è stato istituito nel 1959 ed è in continua progressione ed evoluzione, grazie a “icone arbitrali” del calcio nazionale ed internazionale.

Il  Responsabile del Settore Tecnico  e’ Alfredo Trentalange, ex arbitro internazionale ed istruttore Fifa.

La sezione arbitri di Savona vanta di avere tra i propri associati, Luca Gaggero.
Luca, dopo una buona esperienza arbitrale sui campi di gioco della Liguria, seppur ancora in giovane età, ha preferito dedicarsi alla carriera dirigenziale mettendosi sempre a disposizione di tutti i colleghi. Da alcuni anni fa parte, con diversi incarichi, del Settore Tecnico e le sue capacità tecniche ed organizzative sono state sempre ben apprezzate e valorizzate.

Dall’inizio della nuova stagione sportiva è stato promosso dalla carica di responsabile del modulo di perfezionamento tecnico e di valutazione tecnica a quella di vice responsabile del Settore Tecnico dell’area Nord Italia, un ulteriore riconoscimento per la sua professionalità e impegno nel contesto arbitrale.

Gli altri vice sono: per il centro Duccio Baglioni e per il sud Francesco Milardi.

Il coordinatore e’ ‘il genovese’ Marcello Marcato.

La Sezione di Savona è orgogliosa di Luca Gaggero, da sempre disponibile per gli arbitri più giovani.

Angelov Svilen

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Link

Martedì 25 luglio si è riunito per la prima volta stagionale il Consiglio direttivo sezionale, un momento importante che si è svolto nella sala riunioni della nostra sezione; durante l’incontro, guidato come sempre dal presidente Muratore, c’è stata la definizione dei ruoli che avranno i consiglieri nella stagione sportiva 2017/2018.

Tra le altre decisioni prese, il Consiglio ha stabilito di proseguire l’attività di preparazione atletica presso il polo attuale e fissato le date provvisorie delle Riunioni tecniche obbligatorie della stagione sportiva.

WhatsApp Image 2017-07-26 at 08.52.21

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Standard

Ruoli arbitrali: i nostri associati ai livelli nazionali per la prossima stagione sportiva

Viste le proposte formulate dagli Organi tecnici nazionali e regionali, in merito alla formazione dei ruoli arbitrali nazionali per la Stagione sportiva 2017/2018, sono state comunicate le decisioni deliberate dal Comitato Nazionale.

Per quanto riguarda la nostra Sezione, sono confermati:
– in CAN PRO gli AA Giulio FANTINO e Roberto MARGHERITINO;
– in CAN D l’AA Giacomo ZANIN;
– alla CAI l’OA Paolo VIGNOLA.

Inoltre sono stati promossi:
– in CAN D l’AA Daniele SANTINI;
– alla CAI l’AE Michele CIRIO.

Purtroppo, è stato dismesso dalla CAI, per limite di permanenza nel ruolo, l’AE Gianluca Rizzello. Un ringraziamento a Gianluca per l’impegno sempre profuso in tutte le gare da lui dirette in giro per l’Italia.

Le nostre più vive congratulazioni a tutti i promossi e confermati: siamo certi che porterete sempre con orgoglio il nome della Sezione di Savona su tutti i campi di gara.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Standard

Città di Carcare, i fischietti savonesi per il memorial Comparato

Il 1 maggio si è concluso il torneo internazionale Città di Carcare, che ha visto competere numerose squadre di livello professionale e dilettantistico, tra cui il Novara, che ha vinto questa V edizione. Le gare del torneo sono state condotte dai fischietti savonesi, che magistralmente hanno arbitrato le 34 squadre partecipanti al Memorial Giacomo Comparato, giovane calciatore savonese tragicamente scomparso in un incidente mortale nel 2013.

In questo torneo gli arbitri della sezione di Savona hanno dimostrato di avere un’eccellente preparazione atletica e resistenza fisica, in funzione delle numerose gare designate. Ogni partita è stata un modo non solo per mettersi alla prova fisicamente, ma per far osservare le regole del calcio a squadre anche estere, con talvolta diversi stili di gioco calcistico. In questo modo, i fischietti savonesi hanno accumulato una notevole esperienza arbitrale, che sicuramente permetterà loro di affrontare le successive partite con ancora maggiore sicurezza, giudizio arbitrale e capacità di prevedere lo spostamento dei giocatori e del pallone.

La finale del torneo internazionale è stata diretta dall’arbitro effettivo Mattia Mirri e dagli assistenti arbitrali Maurizio Iovinelli e Svilen Angelov, i quali hanno saputo arbitrare in modo corretto l’intera partita grazie anche ai preziosi consigli che la sezione di Savona, presieduta da Fabio Muratore, ha saputo insegnargli durante il loro percorso arbitrale.

Il torneo Memorial Giacomo Comparato è stato un emblema sportivo dove calciatori e arbitri hanno potuto tenere vivo il ricordo di Giacomo, in giornate che hanno trasmesso solidarietà e rispetto reciproco.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Standard

RTO 6 marzo: sul palco i nostri AA nazionali

IMG_20170306_205416

Un momento della RTO di lunedì 6 marzo

Il 6 marzo 2017 si è svolta presso la sezione arbitri di Savona la riunione tecnica focalizzata sul ruolo dell’assistente arbitrale, gestita dai colleghi assistenti in forza agli organi tecnici nazionali. Un momento di formazione per tutti, rivolto soprattutto ai più giovani, per mostrare un ruolo centrale nel calcio.

A partire dal campionato della Promozione infatti, l’arbitro viene affiancato sul terreno di gioco da due assistenti arbitrali, a tutti gli effetti degli ufficiali di gara, che hanno il compito di collaborare alla direzione della partita.

I relatori dell’appuntamento formativo savonese sono stati l’A.A della Can Pro Giulio Fantino e l’A.A della Can D Giacomo Zanin, i quali hanno spiegato i doveri che un assistente arbitrale deve rispettare durante una partita di calcio. Mancava invece Roberto Margheritino,designato per il posticipo di Lega Pro Parma-Forlì.

I due assistenti nazionali, aiutati dal contributo degli A.E. regionali Marco Vitale e Mattia Mirri e dall’A.A Daniele Santini, si sono soffermati principalmente sulla regola numero 11 del Regolamento del giuoco del calcio, che riguarda la regola del fuorigioco. Gli incarichi dell’assistente dell’arbitro sono: segnalare le rimesse laterali e i calci d’angolo, segnalare i falli nella propria aria di competenza, aiutare l’arbitro a decidere l’assegnazione di un calcio di rigore, soprattutto quando il fallo viene commesso al limite dell’aria di rigore, segnalare se la palla sorpassa interamente la linea di porta prima che venga assegnato un gol, controllare gli occupanti delle panchine e segnalare eventuali sostituzioni, aiutare l’arbitro in ogni sua decisione in caso di necessità.

Lo strumento che contraddistingue l’assistente arbitrale è la bandierina che viene alzata ogni volta che vi è da segnalare un’irregolarità o una rimessa laterale (indicandole ovviamente la direzione). L’arbitro e i suoi assistenti formano la cosiddetta “terna arbitrale”, una vera e propria squadra che garantisce la direzione della partita nel migliore dei modi.

Giulio e Giacomo hanno sottolineato come il ruolo dell’assistente arbitrale non sia secondario a quello dell’arbitro effettivo, constatando i numerosi successi degli assistenti arbitrali della Sezione di Savona che rappresenta un perno importante sotto il punto di vista formativo e disciplinare di arbitri ed assistenti sempre qualificati, allentati e colmi di passione arbitrale. L’intera serata si è svolta in un clima di armonia e di interesse generale da parte dei presenti.

Di Svilen Angelov

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Standard

Alberto Zaroli a Savona: il racconto

DSC_0090

Un momento della RTO con Alberto Zaroli

Per tantissime persone la parola “Italia” rispecchia l’immagine del calcio, ovvero lo sport più pittoresco ed amato ai nostri tempi. Il gioco del calcio è uno sport esemplare, di antiche origini e di larghissima diffusione che racchiude in sé  uno spirito di squadra e mette in luce tutti gli aspetti dell’indole sportiva. Praticata in quasi tutto il mondo così semplice ma talvolta complicata, una partita di calcio è colma di soddisfazione e divertimento, di difficoltà  e di scene imprevedibili. Una delle figure centrali nel mondo del calcio è sicuramente quella dell’arbitro, il signore delle regole che ricopre un ruolo decisivo, impegnativo e soprattutto responsabile. Indubbiamente l’arbitro è l’atleta completo devoto alle regole,  colmo di passione e di sana ed intelligente umanità.

Il mese di febbraio è pieno di idee e progetti nel mondo arbitrare savonese. La sezione di Savona, infatti, il 10 di febbraio ha ospitato il componente del Comitato nazionale dell’AIA Alberto Zaroli, il quale è stato sicuramente di buon esempio per i numerosi fischietti savonesi del Presidente Fabio Muratore. Durante la riunione tecnica, Alberto Zaroli ha sottolineato il concetto di umiltà, rispetto, fame (intesa come voglia di migliorare): tutte le qualità che devono essere insite nello spirito arbitrale. La sintesi dell’attività arbitrale e dell’arbitro è NO PAIN – NO GAIN: senza sofferenza non si può ottenere alcun successo, bisogna avere la forza per costruirselo da soli.

Grazie a questo incontro gli arbitri savonesi hanno potuto arricchire ulteriormente il loro bagaglio formativo ed avere una crescita personale come rappresentanti dell’AIA, dentro e fuori dal terreno di gioco.

Di Svilen Angelov

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail